Adottiamo un Sentiero 2018

Giornata a dir poco “epica”. Pulizia dello storico sentiero Valzo-Laturo, messa in sicurezza delle parti franose con interventi di stabilizzazione del battuto attraverso tronchi trasversali fissati a terra. Allargamento delle strettoie, sfalcio di erba e rami. Grazie a tutti i partecipanti, queste opere fanno bene al territorio ma anche all’anima, solo a #Laturo puoi ritemprare lo spirito lavorando spalla a spalla.

Foto “Corso di Cesteria – 1^livello”

<<Domenica scorsa a Laturo si è svolto un Corso di Cesteria. Gestito da Martina De Gregoris il corso ha visto il mio aiuto nella logistica e la presenza di un grande mastro cestaio di fama nazionale, già ospite della trasmissione Geo&Geo: Rodolfo Onori e sua moglie Iolanda. Sembra la solita domenica passata tra eventi vari in giro per l’italia, In realtà, quello che hanno vissuto i partecipanti, educati e amanti della montagna, venuti rigorosamente a piedi, a  va’ ben oltre. Organizzare nel borgo di Laturo, abbandonato totalmente fino a qualche anno fa’ e neanche più visitabile a causa della fitta vegetazione, un primo corso per imparare un mestiere è un qualcosa di magico, simbolico direi, miracoloso.

Il cestaio tra i tanti mestieri minori e dimenticati era un cardine delle genti di montagna in appennino e nelle alpi. Gerli, sedie, damigiane, cesti, recinzioni, divisori e coperture per solai in edilizia, creati con noccioli, frassini, olmi, salici, viburni, avevano la mano esperta di un intrecciatore. Il suo mestiere veniva barattato con altri mestieri, utili e fondamentali per la sopravvivenza nel luogo nelle 4 stagioni. Domenica 17 giugno, quindi, chi ha partecipato a quel corso in quel luogo cosi’ scomodo si è, in primis, posato un piccolo tassello verso un cambio vita, verso un’ autosufficenza montana.

A molti farà sorridere, ma chi decidesse di invertire l’abbandono e ritornare tra i monti, da oggi ha in mano un qualcosa in più. Rodolfo stesso, ci ha raccontato che alcuni suoi allievi con 3 corsi intensi, hanno iniziato a fare mercati e campare di quello. Non ci si arricchisce ovvio, ma si vive con dignità e si crea qualcosa di utile, di prezioso.. Sperando di replicare a breve con un secondo livello,ringrazio chi ha partecipato e chi ha sognato e lavorato per la sua perfetta riuscita.>> Federico

Un grazie speciale al maestro Rodolfo Onori e Iolanda, a Federico per la sua difficile guida su fango, e ai partecipanti, che hanno dimostrato, tutti, un incredibile talento nell’intreccio. Dopo l’attestato di partecipazione, contiamo di rivederci presto per il 2^livello per far rivivere ancora un mestiere e un borgo troppo spesso dimenticati. Laturo vi aspetta! Martina

Corso di Cesteria e intreccio vimini

DATA : 17 Giugno 2018

Corso di intreccio a Laturo, – borgo abbandonato e senza strada immerso nei boschi selvaggi del Parco nazionale Gran Sasso-Monti della Laga.

Con il maestro cestaio Rodolfo Onori e dentro una natura selvaggia e incontaminata, si imparerà a scegliere il materiale utile all’intreccio, a tagliarlo ed a intrecciarlo fino a realizzare in autonomia un cestino in vimini e canne con le proprie mani, dall’inizio alla fine. Tutto il materiale per l’intreccio sarà fornito dalla organizzazione e il manufatto resterà al partecipante. PRANZO AL SACCO.

DURATA DEL CORSO: 1 giorno
COMPENSO: EUR 35,00

L’arte dell’ intreccio è un mestiere tanto antico quanto dimenticato: dà la possilbiità di conoscere le piante comprendendone la crescita e la funzione, sviluppa la manualità, sensibilizza all’ecologia e al rispetto per la natura… e porta spontaneamente a “legare” l’uomo al proprio ambiente.

LA QUOTA COMPRENDE lezioni pratiche sull’intreccio e realizzazione di un cesto completo; una passeggiata  naturalistica nel Borgo, con breve spiegazione del lavoro svolto dalla Associazione.

LA QUOTA NON COMPRENDE pernottamento e pranzo al sacco, che sono a discrezione e a carico del partecipante.
DA PORTARE: guanti e abbigliamento da lavoro, un coltellino tipo Opinel, uno zaino, un paio di scarpe da montagna, un cappello da sole. Pranzo al sacco.

IL CORSO SI ATTIVA AL SOLO RAGGIUNGIMENTO MINIMO DI 5 PARTECIPANTI E SOLO DOPO AVER DATO CONFERMA DELLA PROPRIA PARTECIPAZIONE A info@borgodilaturo.it

PROGRAMMA DEL CORSO

.

ore 8,00 puntuali– RITROVO a Valzo di Valle Castellana(TE) : mini-escursione a piedi nel bosco per raggiungere il Borgo di Laturo.
9.45- 13:00
– Introduzione ai materiali, come riconoscerli;
– Realizzazione del fondo del cesto;
breve Pausa Pranzo/ Merenda
14:00 – 19:00
– Realizzazione dei montanti e del bordo inferiore con la tecnica base;
– Realizzazione dell’alzata del cesto e contenimento in canne;
– Realizzazione del manico e della chiusura con treccia.

Per chi vuole, è possibile bivaccare in tenda a Laturo; oppure il più vicino B&b è Mosca Bianca a Castel Trosino(AP).

INDICAZIONI STRADALI: prendere la sp49 e seguire la deviazione per Olmeto(BRECCIATA); oltrepassare le case di Olmeto e la cappellina alla vostra destra e proseguire lungo la brecciata che vi porta a Valzo, dove la strada termina. Per i teramani: non seguire la sp69 indicata da GoogleMaps, in quanto questa strada è impercorribile da qualsiasi automobile: da Teramo bisogna prima raggiungere Valle Castellana o Ascoli e poi da qui prendere la sp49 che va a Olmeto-Valzo. Nel comune di Valle Castellana non vi è segnale cellulare

Vi sarà una merenda offerta dalla Associazione Amici di Laturo

N.B.: Il borgo di Laturo è totalmente immerso nella natura dei Monti Gemelli-Laga, è sprovvisto dei comuni servizi e non ha una strada carrabile: è raggiungibile solo tramite un vecchio tratturo per fuoristrada oppure attraversando sentieri e antiche mulattiere che lo uniscono flebilmente alla civiltà – caratteristica che lo rende una vera e propria destinazione per l’anima a contatto con la natura, – fuori del tempo e dello spazio.
Si richiede spirito di adattamento e rispetto per l’ambiente.

SONO GRADITE DONAZIONI PER SOSTENERE L’ASSOCIAZIONE IMPEGNATA DAL 2011 A SALVARE QUESTO ANGOLO DI NATURA!

Per iscrizioni : info@borgodilaturo.it / MARTINA fornire il proprio nome, cognome, numero di telefono.